Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Foiano della Chiana (Ar): al via i saldi al Valdichiana Village. "Sconti aggressivi. Acquisti in sicurezza" Foiano della Chiana (Ar): al via i saldi al Valdichiana Village. "Sconti aggressivi. Acquisti in sicurezza" Foiano della Chiana (Ar): al via i saldi al Valdichiana Village.

“Da lunedì 1 febbraio il Valdichiana Village è pronto ad accogliere i suoi visitatori con i saldi di fine stagione, che restano il momento ideale per acquisti low cost.

Come confermato da tutti gli indicatori, stavolta come non mai i saldi saranno all’insegna dello spendere meglio ed in maniera mirata. Poter accedere a capi di qualità a prezzi outlet ulteriormente scontati costituisce da sempre un elemento di forte attrazione per il pubblico del Valdichiana Village, struttura all’aperto dotata di tutti gli accorgimenti sanitari e di distanziamento, che rendono sicura e protetta la permanenza.”

Così il precisa il center manager Riccardo Lucchetti.

“I nostri 130 punti vendita garantiscono uno shopping intelligente, conveniente, pieno di novità e un’offerta flessibile, capace di intercettare mutati trend ed esigenze imposte dalla particolarità del momento”.

La conferma che l’emergenza sanitaria incide sulla propensione all’acquisto, modificando i “must have” di questa stagione, arriva da Marco Cavallini, retail manager della “Land of Fashion”.

“Le tendenze di acquisto ed i comportamenti di consumo riflettono sempre l’evoluzione della società e questa tornata di saldi invernali non fa eccezione. In pratica, l’esplosione dello smart working e della didattica digitale, la nuova esperienza del “tutti in casa”, stanno modificando il mix degli acquisti, determinando una crescita di alcune specifiche categorie merceologiche: dal comparto dei prodotti e dei beni per la casa allo sleepwear, fino all’abbigliamento casual,scelta obbligata per gli incontri di lavoro fatti da un ambiente domestico. Un ruolo rilevante in questo senso - rileva Cavallini -lo gioca la necessità di trovare tra le mura di casa una risposta a bisogni solitamente soddisfatti fuori casa, da cui la rinnovata importanza riconosciuta alla salute, all''attività motoria e alla ricerca del benessere psico-fisico, con crescita dei volumi di acquisto di homewear, capi easywear, tute, leggins e prodotti per il fitness”.


Sostieni ArezzoTV