Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Tutto da rifare.

Nuovo processo d’Appello per Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi.
Questo quanto deciso dai giudici della III sezione penale della Cassazione nel processo sul caso di Martina Rossi, la 20enne ligure morta precipitando dal balcone di una camera di albergo a Palma di Maiorca all’alba del 3 agosto 2011.
I supremi giudici hanno annullato la sentenza di assoluzione disponendo così un nuovo processo per i due imputati, come sollecitato, nel corso della requisitoria, dal sostituto procuratore generale Domenico Seccia, accogliendo dunque i ricorsi presentati dalla procura generale di Firenze e della parti civili.
Ad assistere alla lettura del dispositivo i genitori di Martina, Bruno Rossi e Franca Murialdo.
I due giovani di Castiglion Fibocchi lo scorso 9 giugno erano stati assolti dalla Corte d'Appello di Firenze perché “il fatto non sussiste, sentenza che di fatto aveva ribaltato il verdetto del Tribunale di Arezzo.
In primo grado, nel dicembre 2018, infatti Vanneschi ed Albertoni erano stati condannati a 6 anni di reclusione, 3 per tentata violenza sessuale e 3 per aver causato la morte della giovane in conseguenza di un altro delitto, quest'ultimo reato si è poi estinto per intervenuta prescrizione.


Sostieni ArezzoTV