Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo: è scomparsa Suor Rosalba. "Mi chiamavano mamma" Arezzo: è scomparsa Suor Rosalba. "Mi chiamavano mamma" Arezzo: è scomparsa Suor Rosalba.

Era la mamma di tutti, era l'accoglienza fatta persona. Il Covid si è portato via anche lei.

Suor Rosalba Sacchi, madre di Caritas e Casa Thevenin, se ne è andata per gravi complicazioni causate dal Covid. Negli ultimi due anni aveva scelto di ritirarsi in una casa di riposo a Roma dove, proprio in queste ultime ore, si è spenta all'età di 84 anni.

"Con il suo carisma - ha sottolineato Sandro Sarri il presidente di Casa Thevenin che accoglie ragazze madri - è stata per anni il motore della carità. Non ho mai conosciuto una persona con lo stesso immenso amore verso il prossimo. È stata una donna straordinaria che con la sua forza ha contribuito alla crescita di quelli che sono stati i suoi due gioielli: Caritas e Thevenin".

In lutto anche la grande famiglia della Caritas diocesana di Arezzo realtà che, come noto, per anni ha lavorato a strettissimo contatta con suor Rosalba.

La Chiesa Diocesana di Arezzo affida al Signore l’anima benedetta di suor Rosalba Sacchi che ha raggiunto la Gerusalemme del Cielo. Mentre chiediamo suffragi per la degna figlia di San Vincenzo de Paoli, che ha speso in mezzo ai poveri del nostro territorio gran parte della sua vita, invochiamo dal Signore il premio eterno per la sua serva fedele a cui questa Diocesi deve gratitudine per il prezioso servizio reso quale direttore della Caritas Diocesana dal 1997 al 2010. Alla famiglia religiosa alla quale appartenne e a quella naturale, nella nativa Terrossola, il più forte cordoglio e l’assicurazione della preghiera.

“Una triste notizia”: il sindaco Alessandro Ghinelli, il vicesindaco Lucia Tanti e il presidente di Casa Thevenin Sandro Sarri commentano così la morte di suor Rosalba avvenuta in queste ore. “Un profilo caro a tutta la città, non solo per il suo incedere e il suo sorriso che caratterizzavano la parte alta del centro storico, dove si trovavano i luoghi a lei più familiari in cui svolgeva la sua missione. Suor Rosalba, dalla Caritas al Thevenin, ha rappresentato un valore, una virtù imprescindibile per la morale cristiana: la carità. E l’ha declinata in ogni sua possibile forma, rendendola per questo ‘pietas’ in senso ampio, patrimonio di tutti, credenti e non. Ad Arezzo viene a mancare una figura di riferimento, capace di donare a chiunque e a cuore aperto, a favore della vita di tante persone che anche in città vivono una realtà d’indigenza. A nome dell’amministrazione comunale e di Casa Thevenin esprimiamo il più sentito cordoglio e rinnoviamo, ancora una volta, la nostra gratitudine".






Sostieni ArezzoTV