Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Nel negozio di cannabis light spaccia marijuana e hashish, arrestato Nel negozio di cannabis light spaccia marijuana e hashish, arrestato Nel negozio di cannabis light spaccia marijuana e hashish, arrestato

Un'operazione antidroga dei carabinieri di Arezzo ha portato a un arresto e al sequestro di un negozio. I militari hanno avviato le indagini nel Villaggio Dante in una casa ritenuta zona di spaccio. Hanno perquisito l'appartamento di un 23enne incensurato e trovato 92 grammi di marijuana, 170 grammi di hashish, un bilancino di precisione, materiali vari per il confezionamento delle sostanze e circa 2200 euro in contanti, provento dello spaccio. È scattato così il sequestro e l’arresto del giovane. Da lì poi l'indagine si è estesa a un negozio del centro aretino gestito da un 30enne. Si tratta di un'attività di commercializzazione di prodotti con cannabis light, anche per uso alimentare. Nei locali del negozio i carabinieri hanno scoperto altra droga, nascosta un po' in un soppalco e un po' sotto al bancone. Sono stati trovati 720 grammi di marijuana, 72 grammi di hashish e 2,9 grammi di funghi allucinogeni nonché numerose buste in cellophane per il confezionamento delle sostanze con l’indicazione della loro diverse tipologie. Sono scattate così le manette per il 30enne, che dovrà rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno sequestrato il negozio, ritenendo fondato il rischio che potesse aggravare o protrarre le conseguenze di un reato, o agevolarne la commissione di nuovi. Al termine delle formalità di rito, il 23enne è stato rimesso in libertà su disposizione dell’autorità giudiziaria che non ha ritenuto sussistere particolari esigenze cautelari, mentre per il titolare del negozio si sono aperte le porte del carcere di Arezzo.


Sostieni ArezzoTV