Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arriva a tarda sera la conferma che purtroppo la Toscana rimane arancione. L’occupazione dei posti in terapia intensiva sarebbe il parametro che ha determinato questa decisione.

Anche il sindaco di Arezzo conferma nel suo profilo Fb la notizia che tutti non avrebbero mai voluto leggere:


“Cari Concittadini, è notizia di poco fa che la Toscana rimane arancione: il comitato tecnico scientifico riunitosi oggi non ha ritenuto che la valutazione dei 21 parametri definiti per la valutazione dello “stato di salute” delle regioni consentisse alla nostra di passare alla zona gialla. Ed è purtroppo tornato a due cifre il numero dei nuovi casi in città: 26 oggi, in un totale provinciale pari a 56. E sale al 10,37% la percentuale che indica il rapporto tra il numero dei positivi e i tamponi effettuati. In Toscana si contano 657 nuovi contagi, in Italia 18.727. Il virus continua a circolare e l’attenzione deve obbligatoriamente rimanere elevata. Tornando ai dati della provincia, le persone positive in carico sono scese a 932, di cui 696 a domicilio, e 2.202 sono i contatti stretti in quarantena. La degenza Covid del nostro ospedale San Donato registra oggi 72 pazienti, salgono a 21 quelli in terapia intensiva.
Tra le misure che l’amministrazione comunale ha adottato e sta adottando per affrontare l’emergenza e per dare risposte concrete ai cittadini, c’è l’erogazione dei buoni spesa che inizierà a partire da lunedì prossimo. Si tratterà di una distribuzione equa, veloce ed innovativa. I criteri adottati per l’acquisizione del contributo prevedono fasce scaglionate che tengono conto della combinazione tra ISEE e ampiezza del nucleo familiare, un ISEE fino a 15.000, cifra più alta che tiene conto del volto nuovo delle persone con difficoltà economiche, un bando “in tempo reale”, ovvero dal momento della domanda al momento della erogazione non passeranno più di 7 giorni. A questo si accede tramite piattaforma scaricabile da link dedicato e che sarà pubblicato lunedì sul sito del Comune. La vera novità è che la somma destinata all'utente sarà trasferita direttamente, previa comunicazione del codice fiscale, nella propria tessera sanitaria che diventerà così una sorta di “carta di credito”: dell’erogazione del contributo il beneficiario sarà avvisato tramite sms. Un sistema, questo adottato, che protegge al massimo la discrezionalità e mette quindi la parola fine anche ai cosiddetti “buoni cartacei” volanti, che possono creare disagio o imbarazzo a chi si trova nella necessità di richiedere il sostegno.
Infine, le mascherine: il completamento della consegna sull’intero territorio comunale è previsto per il 18 dicembre, pertanto chi dopo quella data non avesse ricevuto i dispositivi potrà farne richiesta telefonando al numero 0575/377.777. Ce la faremo.”


Sostieni ArezzoTV