Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Valle delle Piagge, si pronuncia il Consiglio di Stato: “sospeso il permesso di costruire" Valle delle Piagge, si pronuncia il Consiglio di Stato: “sospeso il permesso di costruire" Valle delle Piagge, si pronuncia il Consiglio di Stato: “sospeso il permesso di costruire

"Stop alle escavazioni nella Valle delle Piagge". Così si è pronunciato il Consiglio di Stato, che ha sospeso il permesso di costruire sino a che il Tar di Firenze non si sarà pronunciato definitivamente.

Per l'area erano scattati i sigilli lo scorso ottobre, con un provvedimento firmato dal gip. Secondo gli inquirenti infatti sarebbe stata divorata una collina e perpetrato uno scempio ambientale con la creazione di una “cava abusiva”. Erano così scattate 4 denunce, per il proprietario del terreno, il titolare dell'impresa, il progettista-direttore dei lavori e il geologo consulente alla progettazione. Ipotizzati reati di tipo ambientale-urbanistico e attestazioni false. Le indagini erano partite dalle segnalazioni del comitato civico La Valle delle Piagge, preoccupato per le attività nella collina.

I proprietari dell'area hanno invece sempre difeso lo scavo fatto, sostenendo che servisse per realizzare l’invaso irriguo collegato ad un futuro noccioleto.

Il sequestro era stato annullato nei giorni scorsi dal collegio di giudici presieduto da Giovanni Fruganti e il provvedimento disponeva la restituzione della superficie ai proprietari. Ieri però il Consiglio di Stato ha stoppato i lavori di escavazione, passando la palla al Tar di Firenze, che dovrà adesso esprimersi sulla vicenda.


Sostieni ArezzoTV