Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Era attesa per questa sera la notizia è adesso è arrivata la conferma ufficiale.  La Toscana passa da "gialla" a "rossa" per l'alto numero di contagi da coronavirus. Oltre alla Toscana passa a "zona rossa" anche la Campania. 

Il ministero della Salute ha dunque firmato l'ordinanza, che varrà per almeno due settimane: per la Campania è un doppio passaggio (da zona gialla a zona rossa), la Toscana era già in zona arancione. Il provvedimento entrerà in vigore dalle 00:00 del 15/11/2020. 

A questo link tutte le nuove regole.

Queste le principali restrizioni previste: 

- all’interno dell’area rossa è vietato ogni spostamento, sia nello stesso comune che verso comuni limitrofi (inclusi quelli dell’area gialla o arancione), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (per esempio l’acquisto di beni necessari) o motivi di salute. Non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso. Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, se prevista. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. È comunque consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi;
- saranno chiusi i negozi al dettaglio, tranne alimentari, farmacie, edicole e altri negozi (qui trovate l’elenco completo delle attività che possono rimanere aperte);
- saranno chiusi bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie: resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle 22, la ristorazione con asporto;
- saranno sospese le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto;
- sarà consentito uscire per fare una passeggiata in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina;
- sarà consentito uscire di casa per fare attività sportive in forma individuale (corsa, bicicletta, etc);
- rimarranno aperte per l’attività scolastica in presenza i servizi per l’infanzia, la scuola elementare e la prima media. Tutte le altre classi dovranno ricorrere alla didattica a distanza.


Sostieni ArezzoTV