Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Una tradizione casearia medievale rivive grazie ad un’azienda aretina Una tradizione casearia medievale rivive grazie ad un’azienda aretina Una tradizione casearia medievale rivive grazie ad un’azienda aretina

Una tradizione casearia medievale rivive grazie ad un’azienda aretina. Rocca Toscana Formaggi è stata impegnata nei giorni scorsi nel piccolo paese di Talamello, nell’entroterra di Rimini, per l’estrazione dalle fosse arenarie di oltre settemila forme del noto pecorino “L’Ambra di Talamello” che saranno ora distribuite nei mercati di tutto il mondo, dando seguito ad una tradizione che risale al 1400.

Questa specialità viene tuttora realizzata seguendo un antichissimo processo di stagionatura, con una specificità che ha motivato il Comune di Talamello a stabilire un disciplinare e ad indire un bando per l’utilizzo del marchio che è stato vinto da Rocca Toscana Formaggi di Arezzo che, di conseguenza, è stata insignita della responsabilità di produrre in esclusiva e di valorizzare a livello internazionale questa eccellenza gastronomica.


Sostieni ArezzoTV