Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un padre aretino. I fatti si riferiscono a qualche giorno fa e l'aretino ha anche presentato denuncia presso l'Urp della Asl Toscana Sud Est per capire come mai al proprio figlioletto di appena 4 mesi non è stato fatto un tampone nonostante l'accesso al pronto soccorso pediatrico con febbre alta. 

La nostra redazione sceglie di ospitare questa lettera, in attesa della risposta della Asl Toscana Sud Est, nel solo ed unico intento di dare voce ad un padre aretino. Siamo altresì fermamente convinti che il livello di pressione in questo momento per il nostro ospedale San Donato si veramente alto e che il personale sanitario al suo interno stia dando il suo massimo per dare risposte ai cittadini. 

Di seguito la lettera

"Ci siamo recati al pronto soccorso di Arezzo su indicazione del pediatra visto che il bimbo, di soli 4 mesi, ha iniziato a tremare e aveva la febbre. Appena arrivati abbiamo suonato il campanello, è arrivata un'infermiera dopo circa 5 minuti, ci ha fatto compilare l'accettazione e abbiamo dovuto aspettare un'altra persona che accompagnasse la mia compagna e mio figlio in reparto. Nel frattempo la febbre era salita a 38.7. Arrivati in reparto la febbre era a 39.5.

La dottoressa che era di turno lo ha visitato ed ha somministrato tachipirina. Hanno fatto lo stick delle urine, per fortuna negativo e solo dopo un'oretta prelevato il sangue....Alla fine nonostante gli esami del sangue che mostravano due valori anomali e le urine da mandare in laboratorio a spese nostre, ci hanno dimessi con il bimbo ancora febbricitante (il campione delle urine verrà detto successivamente alla famiglia essere insufficiente).

Ci hanno solo prescritto Tachipirina sopra 38.5...Abbiamo così contattato il nostro pediatra che ha ipotizzato fin da subito un'infezione delle vie urinarie e ci ha prescritto un antibiotico che sono andato a comprare in farmacia. Capisco il momento, ma come si può rimandare a casa un bambino di 4 mesi febbricitante.....senza disporre un tampone? Nel nostro caso non lo hanno disposto perchè sarebbe riservato solo a chi effettua il ricovero.

La mia rabbia è proprio per il trattamento ricevuto e per le risposte non date nell'immediato, come quella di capire da dove avrebbe avuto origine la febbre alta."


Sostieni ArezzoTV