Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

enticinque denunce in poche ore alla polizia postale ad Arezzo: le persone si erano viste svuotare il conto corrente dopo aver ricevuto un messaggio che diceva che il proprio conto in 'home banking' era stato bloccato e dava istruzioni per risolvere il problema: una volta inserite le credenziali, forniscono ai truffatore il modo per svuotare i conti. Da quanto appreso si va dai 4mila ai 24mila euro di 'ammanchi'.

La polizia postale ritiene si tratti di un'organizzazione di "alto livello", ben strutturata, capace di mandare un messaggio dalla banca delle vittime, quindi con competenze elevate dal momento che hanno attaccato direttamente l'home banking della banca. Nel raccogliere le denunce la raccomandazione è quella di non aprire le e-mail di alcun istituto bancario.


Sostieni ArezzoTV