Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Attestavano redditi falsi e non pagavano così il ticket su farmaci e su visite mediche specialistiche, ma sono stati smascherati dalla Guardia di Finanza che ha sanzionato tre “furbetti”.

La meticolosa analisi di un ampio ventaglio di posizioni relative a soggetti che si sono avvalsi dell’esenzione, ha permesso alle Fiamme Gialle della Tenenza di Sansepolcro di concentrare l’attenzione appunto su tre persone, residenti nei comuni di Anghiari, Pieve Santo Stefano e Sestino, che avevano effettuato acquisti di prodotti farmaceutici, ma anche, usufruito di visite mediche specialistiche, beneficiando, in entrambi i casi, di sgravio del ticket ma senza averne i requisiti.

L'incrocio delle informazioni ricavate dalle diverse banche dati con i documenti acquisiti ha consentito di ricostruire il quadro preciso delle ripetute violazioni commesse dai tre “furbetti”. 

Attraverso l’autocertificazione, avevano attestato falsamente la propria situazione reddituale, riuscendo così a sottrarsi, in tutto o in parte, al pagamento degli importi dovuti in base alla normativa regionale, modulati sulla “fascia” economica di appartenenza. 

Nei confronti degli infedeli beneficiari sono quindi scattate sanzioni amministrative pari al triplo delle somme dovute. 


Sostieni ArezzoTV