Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Specializzati nelle “truffe del resto” avevano scelto il Casentino per mettere a segno altri raggiri, ma si sono trovati davanti ad un barista attento che li ha smascherati e due così equipaggi dei Carabinieri della Compagnia di Bibbiena sono riusciti ad incastrarli in viale Europa a Poppi.

Nei guai sono finiti due cittadini rumeni, di 26 e 28 anni, con precedenti alle spalle, che erano arrivati nella vallata dal litorale laziale a bordo di un’auto, con targa francese.

I malviventi prima hanno colpito un bar di Bibbiena, dove dopo aver consumato al momento di pagare hanno presentato banconote di valore superiore alla consumazione.

Attendendo il resto, hanno fanno scattare una serie di stratagemmi con l’intento di confondere il titolare che però ha immediatamente compreso le intenzioni dei truffatori.

Il barista ha quindi allertato il 112 e fornito ai Carabinieri un’esaustiva descrizione dei due malfattori, che si erano già diretti a Poppi per individuare un nuovo obiettivo da colpire.

In viale Europa i militari hanno intercettato la Citroen francese.

Immediato l’esito degli accertamenti sul loro conto, i due già in passato avevano commesso simili azioni e di fatto, in Casentino, erano senza dubbio gli autori del tentativo di truffa ai danni del bar. A loro carico una denuncia per tentata truffa in concorso e il rimpatrio con foglio di via obbligatorio dal comune di Bibbiena.


Sostieni ArezzoTV