Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo. Ritardi nei tamponi agli studenti, D'Urso annuncia un macchinario dedicato Arezzo. Ritardi nei tamponi agli studenti, D'Urso annuncia un macchinario dedicato Arezzo. Ritardi nei tamponi agli studenti, D'Urso annuncia un macchinario dedicato

Era stata Tiziana a metterci la faccia e denunciare l'odissea che aveva vissuto con il figlio, un bambino che frequenta la seconda elementare, lasciato a casa con il raffreddore perchè così si deve fare e poi rimasto in attesa del tampone per circa una settimana.

Oggi è il direttore generale della Asl Toscana Sud Est Antonio D'Urso a rispondere a lei e a tutti coloro che si sono ritrovati nella stessa condizione ammettendo che un carico di tamponi come quello avuto nelle ultime settimane non era sopportabile per l'azienda né per il personale, né per i mezzi. Fatto salvo che i ritardi ci sono D'Urso annuncia che dalla prossima settimana ci sarà “una macchina dedicata ai tamponi da effettuarsi in ambito scolastico che può processare fino a 500 tamponi al giorni. L'arretrato sarà smaltito entro questa settimana.”

Intanto c'è da ricordare che il servizio messo a disposizione dalla ASL Tse che consente di eseguire il tampone senza scendere dall'auto, è stato provvisoriamente trasferito dallo stadio all'ingresso lato Questura del parcheggio Baldaccio.

All' utente che deve eseguire il tampone viene dato appuntamento ad orario preciso onde evitare code e assembramenti – scrive la Asl in un comunicato stampa -

In altre parole, non ci si può presentare al drive thru senza appuntamento. In considerazione dell'alto numero di richieste il servizio è stato attivato anche dalle 9 alle 12.30, in precedenza era attivo solo di pomeriggio.

Sull'aumento dei casi il perchè è da ricercarsi nell'alto numero di tamponi effettuato in queste settimane, molto più alto anche del periodo di lockdown.

“Pensate – aggiunge D'Urso – che facevamo nell'area aretina circa 5.000 tamponi a settimana, adesso ne facciamo circa 8.000.”


Sostieni ArezzoTV