Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Cani in isolamento dopo il caso Lyssavirus, l'ultimo scappato da casa per i fuochi. L'appello dell'Enpa Cani in isolamento dopo il caso Lyssavirus, l'ultimo scappato da casa per i fuochi. L'appello dell'Enpa Cani in isolamento dopo il caso Lyssavirus, l'ultimo scappato da casa per i fuochi. L'appello dell'Enpa

Partenza con il freno a mano per i saldi estivi. L'emergenza sanitaria abbinata a quella economica e alle incertezze sul futuro hanno infatti condizionato pesantemente le vendite. Questo quanto emerge dall'indagine condotta da Confesercenti tra 60 attività commerciali aretine, di cui la metà in città e il resto distribuite tra Casentino, Valdarno, Valdichiana e Valtiberina.

Per il 61,1% degli intervistati, il cliente è molto prudente e spende molto meno rispetto all'anno scorso,  per il 22,2% in linea di massima l’andamento è lo stesso, mentre per l’11,1% c’è stato addirittura un rinnovato entusiasmo negli acquisti.  C’è poi un 5,6% che ha indicato meno presenze ma ha notato un cambiamento nell'approccio all'acquisto con il cliente che entra veloce ed acquista deciso rimanendo meno in negozio. 

Significativo anche il valore dello scontrino medio. L'indagine ha evidenziato che il 38,3% è inferiore ai 50 euro, il 38,9% oscillata tra 50 e 100, l'11,1% è tra 100 e 150, il 6,3% tra 150 e 200 mentre solo il 5,4% ha speso più di 200 euro.


Sostieni ArezzoTV