Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"Mi dispiace. Mi dispiace veramente non poter accogliere l'invito che mi è stato fatto di candidarmi alle regionali per il mio partito, Fratelli d'Italia". 

Comincia così un post sulla pagina Fb con cui Francesco Macrì annuncia ufficialmente di rinunciare alla candidatura per le prossime elezioni regionali che gli aveva chiesto Fratelli d'italia. Il presidente di Estra, destinatario di due avvisi di garanzia, si è autosospeso, ma solo dalle funzioni esecutive rimane quindi alla guida del colosso del gas.
"La lettera - continua Macrì - di chi condivide con me ideali e politica mi ha emozionato, ricordandomi che i legami tra le persone sono il fondamento dell'azione politica. Mi dispiace non poter accogliere l'invito perché, oggi, il mio dovere è altro; continuare l'esperienza in Estra, difenderla da chi vuole indebolirla, garantire a questa grande azienda le condizioni per raggiungere i traguardi che merita, concretizzare i progetti per l'intero sistema dei servizi pubblici e d’interesse pubblico che anche io ho contribuito a elaborare. Voglio poi essere nelle migliori condizioni per difendermi dalle accuse che mi sono state contestate. La mia coscienza è tranquilla e questa é la condizione per continuare a dare a Estra il massimo delle mie capacità per raggiungere gli obiettivi condivisi insieme.
Anche per Arezzo e il suo territorio.
In alto i cuori!"


Sostieni ArezzoTV