Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La giovane, 23 anni italiana, stava aspettano il treno della linea Sinalunga Arezzo Stia che intorno alle 8:00 si ferma nella stazione del paese per poi raggiungere il capoluogo. L'uomo l'avrebbe aggredita improvvisamente. Tra i due ne sarebbe nata una colluttazione. A sentire le urla disperate della ragazza, sono stati i residenti della zona. In particolare pare che una signora proprietaria di tre cani abbia richiamato i tre animali pensando che le grida fossero di paura e abbia detto “arrivo, arrivo...”.

Forse nella consapevolezza di essere visto di lì a breve da un probabile testimone oculare, l'aggressore si è dato alla fuga. Un altro residente della zona avrebbe infatti visto un uomo correre a piedi per le campagne.

L'uomo aveva con sé un'arma da taglio con la quale avrebbe ferito la ragazza ad un braccio. I contorni della vicenda non sono ancora chiari, indagano i carabinieri. La giovane soccorsa in un primo momento dai residenti della zona è stata poi presa in carico dal 118 giunto sul posto con un'ambulanza. Una volta arrivata al pronto soccorso di Arezzo sarebbe stato attivato il "codice rosa", il percorso riservato alle donne vittime di violenza.

Per il momento non si esclude alcuna ipotesi. 

L'amministrazione comunale non appena è stata informata del fatto ha immediatamente preso posizione al riguardo.

"Alla luce di quanto accaduto questa mattina vogliamo esprimere la nostra solidarietà alla ragazza vittima di questa aggressione - afferma il sindaco Ginetta Menchetti a nome di tutta la giunta - confidiamo nelle indagini che sono portate avanti dalle forze dell'ordine affinchè possano individuare il responsabile".


Sostieni ArezzoTV