Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo. Sì ai fuochi di San Donato, al Prato soltanto in mascherina Arezzo. Sì ai fuochi di San Donato, al Prato soltanto in mascherina Arezzo. Sì ai fuochi di San Donato, al Prato soltanto in mascherina

I fuochi di San Donato ci saranno. Ad annunciarlo il primo cittadino di Arezzo Alessandro Ghinelli.

"Sono felice di dare ancora una buona notizia alla Città: anche quest’anno potremo festeggiare San Donato con il tradizionale spettacolo pirotecnico, tanto atteso da tutti noi. Una decisione per la quale mi sono molto speso, presa in pieno accordo con il signor Prefetto e con la piena collaborazione della Questura, resa possibile grazie al lavoro puntuale e approfondito svolto nell’analisi di tutte le misure di sicurezza necessarie al regolare svolgimento dell’evento. In questo anno così particolare, in cui l’emergenza sanitaria continua a condizionare le nostre vite e le nostre abitudini e a limitare le programmazioni degli eventi più tradizionali, poter confermare un appuntamento così sentito come la più festosa manifestazione di affetto verso il nostro Santo Patrono assume un significato tutto speciale, una iniezione di energia per la nostra bellissima Città pronta a ripartire. Doveroso il mio ringraziamento a Sua Eccellenza il Prefetto Anna Palombi e al Questore Dario Sallustio con i quali è stata condivisa questa scelta".

Lo spettacolo pirotecnico, per il secondo anno consecutivo curato dalla Fondazione Arezzo InTour, si svolgerà come di consueto dalla Fortezza Medicea, giovedì 6 agosto. Uno spettacolo che si preannuncia particolarmente suggestivo e che omaggerà la Giostra del Saracino “lanciando” in cielo i colori dei suoi Quartieri, e con essi quello dell’oro, ad evocare la caratteristica produttiva più tipica del nostro territorio. In osservanza della normativa anti-Covid, l’accesso alla tradizionale platea del Prato sarà consentito solo con mascherine indossate e nel rispetto del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro. Numerosi saranno gli steward che insieme agli agenti della Polizia Municipale e delle altre Forze dell’Ordine sorveglieranno sul regolare svolgimento della serata.


Sostieni ArezzoTV