Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dopo le pesanti accuse da parte del senatore della Lega Matteo Salvini nei confronti della procura di Arezzo che ha indagato il sindaco Alessandro Ghinelli, candidato nuovamente per il comune di Arezzo, la procura risponde a Salvini circa i presunti ritardi con i quali i magistrati aretini avrebbero iniziato ad indagare su Banca Etruria, come sostenuto dallo stesso Salvini nella nostra intervista. 

“La dichiarazione di insolvenza della Banca Etruria - si legge testualmente nella nota a firma del procuratore reggente Luigi Bocciolini - (dichiarazione che , come è noto , è necessaria per ipotizzare reati di bancarotta)viene pronunciata dal Tribunale di Arezzo. L’ undici febbraio 2016 primo fascicolo, a carico degli amministratori e sindaci dell ' istituto di credito (nr . 767/2016 RGNR) , viene iscritto in data 25 febbraio 2016 ;
la prima richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di 21 imputati per reati di bancarotta è del 26 giugno 2017;
una seconda richiesta di rinvio a giudizio a carico di 25 imputati di reati di bancarotta è depositata il 27 luglio 2017 . Il giudice di Arezzo pronuncia sentenza di condanna a carico di amministratori della Banca Etruria per reati di bancarotta in data 30 luglio 2019; a carico di altri imputati, non giudicati in quel primo processo, sono in corso processi avanti al Tribunale di Arezzo”.


Sostieni ArezzoTV