Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Era il 26 ottobre 2018 quando di consumò la tragedia, Giancarlo Andreoni morì travolto da un camion dei rifiuti, nell'area del compattatore di Camucia

Adesso ad un anno e mezzo di distanza dal drammatico incidente sul lavoro il pm Angela Masiello ha chiuso le indagini.

Cinque le persone accusate a vario titolo di omicidio colposo.

Tra loro Alfredo Rosini, che all'epoca era direttore di Sei Toscana, e i presidenti delle cooperative che operavano per conto di Sei, ovvero Gianluca Bartolini di Futura, Gabriele Mecheri di Betadue  e Moreno Magrini di Margherita.

L'avviso di chiusura delle indagini è stato inviato anche al collega di Giancarlo Andreoni, quel giorno alla guida del camion che lo investì.

Secondo la procura i cinque avrebbero cagionato per “negligenza, imprudenza e imperizia” la morte dell'operaio “in cooperazione colposa tra loro e con la persona offesa”.

Gli indagati adesso avranno 20 giorni per presentare le memorie difensive, entro l'anno l'udienza preliminare.


Sostieni ArezzoTV