Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Spacciava cocaina, hashish ed ecstasy. Gli ordini avvenivano su whatapp e poi la consegna direttamente a domicilio. Adesso, a conclusione di un’attività investigativa finalizzata al contrasto del traffico illecito di sostanze stupefacenti, gli agenti del Commissariato di Polizia di Sansepolcro hanno tratto in arresto 44enne, biturgense, insospettabile.

Le indagini, portate avanti già da tempo dagli operatori dell’ufficio anticrimine del locale Commissariato di Polizia, anche attraverso discrete attività di osservazione e pedinamento, hanno permesso di delineare una ingente e ben organizzata attività di spaccio di cocaina, hashish, ecstasy ed altre tipologie di sostanze che venivano immesse soprattutto sul mercato biturgense, attività che si intensificava durante il fine settimana nei pressi di molti locali del centro storico di Sansepolcro.

E’ proprio in tale contesto che si è concentrata l'attività investigativa degli agenti, i quali nel corso delle mirate ed accurate indagini hanno documentato numerose cessioni di cocaina.

Le modalità accertate erano quasi sempre le medesime: bastava un messaggio Whatsapp per ordinare in codice il quantitativo che si voleva acquistare. Successivamente gli acquirenti, tutti residenti nel comune di Sansepolcro e con stabile occupazione, si recavano presso l’abitazione dell'uomo o, in altri casi, le dosi venivano consegnate a domicilio o in altri luoghi prestabiliti, come appunto nei pressi dei locali della “movida” cittadina.
Nella serata di sabato, gli agenti, avendo ormai acquisito esaustive fonti di prova utili alla conclusione delle indagini e recuperato numerose dosi di stupefacente ceduto, decidevano di fermare l’uomo che, a seguito di una perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di 150 grammi di cocaina in parte già divisa in dosi, 30 grammi di hashish, alcune pillole di ecstasy, materiale occorrente al confezionamento dello stupefacente, bilancini di precisione e circa 4.000 euro in contanti, il tutto ben occultato nelle stanze dell’abitazione. Un vero e proprio market dello stupefacente nel cuore della città biturgense.

L’uomo è stato arrestato e trasferito in carcere di Sollicciano. Oggi è stato convalidato l’arresto davanti al Gip di Arezzo che ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Nel corso dell'attività investigativa, erano già state sanzionate e segnalate come consumatori altre persone acquirenti dello stupefacente.


Sostieni ArezzoTV