Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"L'intervento è andato come doveva andare, era la situazione iniziale che era tanto grave". Lo spiega ai giornalisti Giuseppe Olivieri, neurochirurgo dell'ospedale Le Scotte di Siena in merito alle condizioni cliniche dell'atleta Alex Zanardi dopo il grave  incidente avvenuto senese durante una tappa della staffetta tricolore.  L’atleta paraolimpico era partito da Firenze in handbike per la Val D’Orcia per il tour Obiettivo 3.

All’altezza di Pienza si è scontrato, per cause in corso di accertamento, con un mezzo pesante.

Le sue condizioni sono gravissime. Adesso si trova all’ospedale delle Scotte di Siena, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. L'atleta ha riportato numerose fratture al cranio e alla faccia. A parlare della situazione clinica dell'ex pilota di Formula 1 è il professor Giuseppe Oliveri, direttore di Neurochirurgia, che ha operato Zanardi: "Al momento sono gravi ma stabili, è arrivato da noi con questo trauma cranio-facciale importante, con un fracasso facciale. E' stato operato e adesso tutti i numeri sono buoni, compatibilmente con la situazione".

Questo il bollettino diffuso dall'azienda sanitaria delle Scotte di Siena.

" In merito alle condizioni cliniche dell’atleta Alex Zanardi, ricoverato dalle ore 18 del 19 giugno in gravissime condizioni al policlinico Santa Maria alle Scotte a seguito di incidente stradale avvenuto in provincia di Siena, la Direzione Sanitaria dell’Aou Senese informa che il paziente, sottoposto ad un delicato intervento neurochirurgico nella serata del 19 giugno, e successivamente trasferito in terapia intensiva, ha parametri emodinamici e metabolici stabili. E’ intubato e supportato da ventilazione artificiale mentre resta grave il quadro neurologico."


Sostieni ArezzoTV