Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Caso Moretti. Chiuse le indagini, si va verso il processo Caso Moretti. Chiuse le indagini, si va verso il processo Caso Moretti. Chiuse le indagini, si va verso il processo

Chiuse le indagini per cinque componenti della famiglia Moretti, noti imprenditori nel settore del vino e della moda, finiti al centro di un'inchiesta della Guardia di Finanza per autoriciclaggio.

Nell’atto firmato dal pm Marco Dioni all’accusa iniziale si aggiunge quella di bancarotta fraudolenta e sono contestati anche vari reati fiscali.

In una ventina di pagine dell'avviso di conclusione indagine si sintetizza la lunga e complessa indagine, che nel novembre 2018 aveva portato al blitz della Guardia di Finanza.

Le Fiamme Gialle in questo anno e mezzo hanno continuato ad approfondire le carte e con gli avvisi di chiusura indagini la procura ha delineato nuove accuse nei confronti di amministratori e prestanome.

Al patron del gruppo, Antonio Moretti, ai figli Andrea, Alberto e Monica, alla sorella Giovanna e agli stretti collaboratori Marcello Innocenti e Paolo Farsetti è contestato il reato di associazione a delinquere.

Altri reati contestati sono autoriciclaggio, appropriazione indebita e bancarotta

Spunta adesso anche un nuovo indagato, un sommelier accusato di aver emesso una fattura falsa da 20 mila euro in favore di una società di Moretti.

Adesso i legali avranno 20 giorni di tempo entro i quali presentare le memorie difensive.


Sostieni ArezzoTV