Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

A comunicare l’accaduto è stata la Asl Toscana Sud Est con un comunicato stampa che riportiamo integralmente.

”Si è presentata da sola, alle 3 e mezzo di questa notte, all'ospedale della Gruccia. Era alla quarantunesima  settimana di gravidanza. La terza: prima un cesareo e poi un parto naturale
Seguita dai servizi ambulatoriali del Valdarno, la donna nigeriana di 31 anni residente a Montevarchi,aveva manifestato già da tempo ai sanitari l'intenzione di avere nuovamente  un parto naturale.
Ricoverata in reparto, è iniziato il travaglio ma la donna è andata, in poco tempo, in arresto cardiaco. Erano le 6.30.  Con i medici del reparto, è intervenuto anche l'anestesista che ha praticato le manovre di rianimazione. Con il cesareo d'urgenza, la bambina è nata pochi minuti dopo l'arresto cardiaco della madre. Le condizioni generali della piccola sono apparse buone. Per precauzione e in ragione del contesto della nascita, è stata comunque trasferita alla terapia intensiva neonatale delle Scotte.
I medici della Gruccia hanno tentato per due ore di rianimare la donna ma senza esito. L’Ospedale ha quindi provveduto ad informare i parenti e l’ASL ha attivato un'indagine interna ed ha disposto il riscontro diagnostico, previsto per domani,  per accertare le circostanze e le cause del drammatico evento.”


Sostieni ArezzoTV