Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata una lite per futili motivi tra un commerciante e un cliente a far emergere la finta identità di un uomo che diceva. di essere un finanziere.  E' accaduto a Montevarchi. Il negoziante, dopo aver ricevuto insulti e minacce, ha sporto denuncia presso il comando delle Fiamme Gialle di San Giovanni Valdarno. I finanzieri, quelli veri,  sono risaliti all'identità dell'uomo incrociando le immagini delle telecamere delle aziende, le testimonianze delle persone informate sui fatti e alcune banche dati in uso al corpo della Finanza. Il tutto ha portato a confermare quando dichiarato dal commerciante. Addirittura, durante la parte più accesa della lite, per far valere le proprie ragioni e dimostrare la propria appartenenza alla Guardia di Finanza, l’uomo ha esibito un lampeggiante blu, simile a quelli in dotazione alla forze dell’ordine.

Il falso finanziere è stato segnalato alla Procura di Arezzo e a lui vengono ora contestati vari reati, tra cui minaccia ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni mediante violenza sulle cose, per quanto attiene alla lite, assieme a usurpazione di funzioni pubbliche e possesso di segni distintivi contraffatti, per aver ostentato la falsa appartenenza al corpo.

L'appello della Guardia di Finanza:

"Tutti i cittadini sono invitati a segnalare al reparto più vicino oppure al numero di pubblica utilità “117” eventuali casi analoghi. Si ricorda che tutti i militari del corpo della guardia di finanza sono muniti di tessera personale di riconoscimento, completa di foto e numero di matricola, che deve essere esibita durante l’effettuazione dei controlli."


Sostieni ArezzoTV