Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Rsa di Montevarchi, il tutore dell'ultima vittima: “inaccettabile ammalarsi in un ambiente protetto” Rsa di Montevarchi, il tutore dell'ultima vittima: “inaccettabile ammalarsi in un ambiente protetto” Rsa di Montevarchi, il tutore dell'ultima vittima: “inaccettabile ammalarsi in un ambiente protetto”

Giacomo Ulanio è l’ultima vittima tra gli anziani ospiti della Rsa di Montevarchi, che ad oggi conta già 18 decessi.
Il 67enne valdarnese è morto lo scorso 14 maggio all’ospedale San Donato di Arezzo, dove era ricoverato nell’area Covid.
L’uomo quando ha scoperto di essere positivo al tampone si trovava nella casa di riposo di Montevarchi, che da anni lo ospitava.
La malattia poi ha progredito, sino al ricovero al San Donato, dove l’uomo è morto alcuni giorni fa.
La procura di Arezzo adesso ha disposto il sequestro della salma. Un atto dovuto nell’ambito dell’inchiesta sulle morti e sui contagi all’interno della struttura di via Pascoli, una delle più colpite nell’Aretino.
Nel fascicolo al momento è ipotizzato il reato di omicidio colposo plurimo.
Spetterà all’esame autoptico stabilire se e quanto il contagio da Covid-19 sia stato determinante nel decesso.


Sostieni ArezzoTV