Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, scuola e Covid. Mamme sul piede di guerra "no a studenti di serie A e di serie B" Arezzo, scuola e Covid. Mamme sul piede di guerra "no a studenti di serie A e di serie B" Arezzo, scuola e Covid. Mamme sul piede di guerra

“Dobbiamo tornare alla normalità!”, così ci dice Sara una mamma aretina che spera di poter rimandare a settembre i propri figli senza problemi. 

Un termine difficile da declinare al tempo del covid-19 soprattutto in ambito scolastico. Quello che chiedono questi genitori e che non ci siano bambini di serie A e bambini di serie B.

Sia per l'accesso agli eventuali campi estivi, sia soprattutto per la ripartenza a settembre.

Il rischio molto concreto è che chi frequenta scuole paritarie non possa tornare in classe.

Nel decreto Rilancio Italia al capitolo “Misure per sicurezza e protezione nelle istituzioni scolastiche statali e per lo svolgimento in condizioni di sicurezza dell’anno scolastico 2020/2021” pare i fondi fossero stati destinati soltanto alle scuole statali.

In realtà nel decreto ci sarebbero 80 milioni per coprire le perdite degli asili e delle materne private, che sono la maggioranza nel nostro Paese. Ma niente per le scuole, che sono per lo più istituti professionali e tecnici. Insomma, se la soluzione arriverà sarà comunque l'ennesimo rattoppo.