Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questa mattina, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Arezzo, al termine delle relative indagini, hanno denunciato in stato di libertà un italiano, classe 1967, per aver danneggiato ad aprile le vetrine dei negozi della zona Saione con un martello.

I fatti si sono verificati in due occasioni distinte. Durante la notte tra la Pasqua e la Pasquetta, un soggetto travisato aveva infranto con un oggetto contundente le vetrine di due negozi di parrucchiere, in zona Saione. Dopo 3 giorni, lo stesso individuo era tornato di fronte ad uno dei due negozi già danneggiati per accanirsi nuovamente sulle vetrine per poi, immediatamente dopo, colpire quelle di un compro-oro, di una rivendita di sigarette elettroniche e della filiale di una banca.

I carabinieri hanno da subito avviato una serrata indagine che, grazie anche alla visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, ha portato alla ricostruzione degli eventi e all’identificazione dell’autore.

L’attività investigativa ha permesso di scoprire il modus operandi dell’uomo, il quale raggiungeva nelle ore notturne il centro abitato con la propria autovettura e, successivamente, travisato con guanti, cappuccio e mascherina, portando con sé uno zaino dove era custodito il martello utilizzato per infrangere le vetrine, di fronte all’obiettivo scelto, si accaniva colpendo in più punti le vetrine.

L’uomo avrebbe agito per risentimenti personali nei confronti degli esercenti colpiti.

Durante la fase delle perquisizioni a carico dell’indagato, i carabinieri hanno individuato l’autovettura utilizzata per gli spostamenti. Hanno anche rinvenuto gli indumenti indossati in occasione degli episodi delittuosi, lo zaino e il martello utilizzato per le effrazioni.

Dovrà ora rispondere del reato di danneggiamento aggravato.