Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Nella giornata di venerdì 17 aprile, i Finanzieri della Compagnia di Arezzo, coordinati dal Gruppo, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale disposta dal G.I.P. presso il Tribunale di Arezzo - dott.ssa Giulia Soldini - su richiesta del Sost. Proc. Dott. Andrea Claudiani, nei confronti di un imprenditore aretino S.P. di anni 47, residente a Marciano della Chiana.
Il provvedimento giudiziario eseguito dalle Fiamme Gialle aretine trae origine da un’attività di indagine particolarmente complessa con la quale sono stati ricostruiti diversi episodi di distrazione di beni e risorse finanziarie avvenuti dal 2016 al febbraio 2019 (periodo in cui è stato dichiarato il fallimento), per un totale di oltre 580.000 euro.
Sull’imprenditore, al quale è stato notificato un provvedimento di arresti domiciliari, risultano gravi indizi del reato di bancarotta fraudolenta, perpetrato nella sua qualità di amministratore unico di una società, operante nel settore della produzione/commercializzazione orafa e di bigiotteria.
Le attività investigative hanno fatto emergere, in particolare, che l’imprenditore aveva distratto e/o dissipato risorse finanziarie della fallita, addebitando spese per fini personali ed effettuando prelevamenti in contanti ingiustificati, assegnandosi compensi non previsti, creando poste di bilancio fittizie e persino addebitando alla fallita le rate di un leasing di un’autovettura di grossa cilindrata (in realtà nella sua esclusiva disponibilità), così “alleggerendo” le risorse societarie con grave pregiudizio per i creditori.
Al fine di depistare gli accertamenti l’imprenditore, in sede di interrogatorio, dichiarava di essere stato sostituito nella carica di amministratore da un soggetto straniero non identificabile, né rintracciabile.
Secondo l’Autorità Giudiziaria, il quadro indiziario a carico dell’imprenditore è ulteriormente aggravato da molteplici contestazioni di natura civilistica per inadempimenti contrattuali, oltre ad una querela per truffa presentata da una società operante nel settore orafo contro l’imprenditore che agiva in veste di amministratore “di fatto” di un’altra società (apparentemente a lui estranea).
L’esecuzione della citata misura cautelare ha consentito, pertanto, di interrompere l’attività criminosa posta in essere dall’indagato proprio attraverso quest’ultima società.
La Guardia di Finanza esegue indagini finalizzate a scoprire reati fallimentari, per la tutela dei creditori e per impedire agli imprenditori disonesti di continuare ad arricchirsi a scapito degli altri.


Sostieni ArezzoTV