Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E' scomparso dopo una lunga malattia all'età di 62 anni Miro Ghinelli, fratello del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. Un calvario che durava da tempo, purtroppo, a cui lo stesso Ghinelli faceva riferimento anche durante le sue dirette Fb per informare i cittadini sull'emergenza sanitaria "coronavirus". "Anch'io frequento il San Donato per ragioni personali" - diceva senza entrare nei dettagli. Oggi in seguito a questo grave lutto la conferenza stampa non ci sarà, ma i cittadini saranno comunque informati sulla pagina Fb dell'ente. 

Tanti i messaggi di cordoglio.

Il primo rettore della Fraternita dei Laici Pier Luigi Rossi ci invia questo messaggio: "Il Primo Rettore, Pier Luigi Rossi, i Rettori del Magistrato Arturo Ghezzi, Daniela Galoppi, Monica Manneschi, Andrea Pastorelli e tutto il Personale della Fraternita dei Laici
esprimono la loro vicinanza al Sindaco di Arezzo Prof Ing Alessandro Ghinelli per la scomparsa di suo fratello Miro, ricordando la sua sensibilità culturale, il rispetto e l’attenzione che ha sempre dimostrato verso la più antica Istituzione pubblica della nostra città."

Luciano Ralli, candidato del centrosinistra alle elezioni, scrive: "stamani ho scritto al Sindaco Alessandro Ghinelli. La politica talvolta ci fa perdere di vista ciò che è veramente importante e quello che conta nella vita. Poi c'è la morte che ci riporta alla ragione. Quando a lasciarci è un fratello minore, costretto a combattere per troppi anni con la malattia, penso che il dolore non sia descrivibile. Ad Alessandro Ghinelli ho espresso le mie condoglianze e quelle del gruppo consiliare, nella consapevolezza che in questi momenti, resi ancora più pesanti dalla responsabilità che gravano non solo sull'uomo ma anche sul Sindaco, non ci siano parole che possano rendere meno acuto il dolore se non la memoria di un fratello, Miro, che ha lasciato il ricordo di una persona dolce e coraggiosa in chi ha avuto la fortuna di conoscerlo".