Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Saione (Ar), spaccata alle vetrine dei negozi. Checcaglini scrive al prefetto Saione (Ar), spaccata alle vetrine dei negozi. Checcaglini scrive al prefetto Saione (Ar), spaccata alle vetrine dei negozi. Checcaglini scrive al prefetto

Ancora vetrine spaccate in via Vittorio Veneto ad Arezzo. Ad allertare i carabinieri che stanno indagando sulla vicenda, è stato un cittadino che si è accorto della vetrata rotta di una banca, la filiale di Intesa Sanpaolo. Danneggiata anche la vetrina di un negozio che si trova poco lontano sempre in Via Veneto, un rivenditore di sigarette elettroniche

I militari stanno acquisendo le immagini delle telecamere di sorveglianza dell'istituto di credito per individuare l'autore del gesto che potrebbe essere lo stesso che lo scorso 13 aprile aveva fatto lo stesso gesto ai danni di due negozi di parrucchiere.

Uno in Via Veneto l'altro in via Montegrappa nella notte tra Pasqua e Pasquetta.

Intanto Mario Checcaglini, direttore di Confesercenti Arezzo, nel farsi portavoce delle lamentele dei commercianti del quartiere ha scelto di scrivere al Prefetto Anna Palombi e al sindaco Alessandro Ghinelli, per chiedere maggior vigilanza della zona.

“In un momento in cui gli imprenditori sono costretti a casa, non solo devono combattere con la preoccupazione per il loro futuro economico, ma anche con la possibilità di vedere danneggiate le loro attività, senza peraltro spesso accorgersene in maniera tempestiva perché come è stabilito dalle norme non si possono recare nei propri esercizi e succede che apprendono dei danni arrecati alle loro attività spesso casualmente. Si potrà facilmente comprendere che tutto questo è inaccettabile, tanto più oggi, tanto più quando le attività sono indifese e i proprietari sono alla mercé di vandali che non solo non stanno a casa come tutti ma hanno maggiore libertà di azione perché gente per strada che ha effetto deterrente non c’è”.


Sostieni ArezzoTV