Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Sono stati ripetuti nella giornata di oggi i tamponi agli ospiti e ai dipendenti Casa Pia di Arezzo “Istituto Fossombroni”. Dopo la notizia di tre casi positivi al Covid-19, due operatori ed un ospite tutti asintomatici, è stato lo stesso istituto a chiedere la ripetizione dei tamponi.

Quelli eseguiti l'8 di aprile scorso, sono tornati indietro solo dopo 6 giorni e comunque di questi ancora 20 sarebbero senza risposta.

Il direttore Stefano Rossi ci tiene innanzitutto a precisare che l'ospite risultato positivo: “è continuamente monitorato e le sue condizioni di salute sono buone. E' asintomatico.

Sui tamponi odierni poi ci conferma che “i tamponi sono stati tutti ripetuti nella giornata di oggi al personale e gli ospiti su nostra espressa richiesta”. Il risultato sarebbe atteso per la giornata di domani o dopodomani al massimo.

Già ieri l'Istituto aveva diffuso una nota ufficiale dopo la notizia dei tre casi positivi ed era stata presidente Maria Paola Petruccioli a puntualizzare che: «La Casa Pia ha attivato nell’immediatezza tutte le misure che doveva e poteva porre in essere a tutela della salute dei propri ospiti, ma il ritardo nell’ottenere le risposte ai tamponi rischia di neutralizzare tutto il lavoro fino ad oggi svolto. Se infatti i risultati fossero stati dati nella giornata dell’8 aprile, come avrebbe dovuto essere, avremmo anticipato le misure adottate oggi ed evitato un possibile ulteriore contagio: stiamo facendo il possibile, speriamo che la Regione si renda conto e ponga maggior attenzione a queste realtà».