Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

A Civitella in Val di Chiana (Ar) il primo consiglio comunale via Skype A Civitella in Val di Chiana (Ar) il primo consiglio comunale via Skype A Civitella in Val di Chiana (Ar) il primo consiglio comunale via Skype

Ad annuciare il minuto di silenzio per tutte le vittime del Covid-19 nel mondo è il presidente del consiglio comunale di Civitella in Val di Chiana PierLuigi Bacconi.

Un consiglio, il primo in assoluto in provincia di Arezzo e forse anche oltre, a tenersi via Skype per evitare l'espandersi del contagio da coronavirus.

Un consiglio che, dopo un confronto con la Prefettura di Arezzo, è stato reso possibile grazie ad una specifica ordinanza del sindaco di Civitella Ginetta Menchetti.

Presenti in aula, oltre a Bacconi e Menchetti anche i due assessori Capacci e Tavarnesi, mentre i 10 consiglieri erano tutti collegati via skype.

La pratica più importante all'ordine del giorno l'approvazione della manovra finanziaria dell'ente il bilancio di previsione 2020/2022.

Il momento della votazione, non è stato semplice vista la non presenza fisica dei consiglieri.

E così il presidente del consiglio ha chiamato singolarmente ogni consigliere ad esprimere il proprio parere. Il dato politoco più importante che è uscito da questo consiglio, oltre alla buona volontà di realizzarlo con queste modalità, è stata l'approvazione all'unanimità del bilancio. Fatto più unico che raro che la minoranza voti la manovra finanziaria dell'avversario politico. Segno evidente della bontà del documento e dell'azzeramento, come è giusto che sia, della scheramglia politica in questo momento storico così difficile e delicato.

Un atto di responsabilità insomma e di buona politica da cui prendere esempio.


Sostieni ArezzoTV