Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

In queste ore ci state chiedendo in tanti come mai i dati della Regione Toscana e quelli diffusi dalla Asl Toscana Sud Est sono dissonanti rispetto ai casi di positivi al Covid-19 nel territorio aretino. Ovviamente noi non possiamo saperlo con certezza, ma vi possiamo dire che i dati diffusi dal consueto bollettino dell'azienda sanitaria che comprende le province di Arezzo, Siena e Grosseto è aggiornato alla mezzanotte del giorno precedente alla diffusione, quindi ad esempio per i dati odierni, il bilancio è alla mezzanotte del 21 marzo 2020. 

Nel territorio aretino ci sono stati 7 casi in più, portando il totale dei contagiati a 132. Si tratta di due uomini di 42 e 54 anni entrambi ricoverati e un 47enne che si trova a casa. In Casentino è risultata positiva una donna di 41 anni attualmente al domicilio e due donne ed un uomo in Valdarno, una 34enne e una 48enne. Valdarnese, a casa e dun 67 anni ricoverato nel reparto di malattie infettive di Arezzo. 

In questo report ad esempio non c'è il caso del paziente della Rsa di Badia Tedalda confermato dal sindaco del comune Alberto Santucci. 

Quelli invece diffusi dalla Regione Toscana parlano di 154 casi nel territorio aretino e sono i seguenti:

"Salgono a 2277 i contagiati da Coronavirus in Toscana dall'inizio dell'emergenza e a 91 i decessi. E' quanto si apprende dal report giornaliero della Regione Toscana. Sono 265 i nuovi casi postivi, in aumento rispetto ai 219 registrati ieri ma inferiori ai 311 del giorno precedente, registrati nella regione a 24 ore dal precedente bollettino. I nuovi decessi sono 19. Spetterà in ogni caso all'Istituto superiore di sanità, spiega una nota, attribuire le morti al Coronavirus: si tratta di persone di età compresa tra i 58 e i 100 anni, tutte affette da più patologie.

Dall'inizio dell'emergenza 18 le guarigioni virali (i cosiddetti 'negativizzati') e 24 quelle cliniche. I casi attualmente positivi in cura sono 2144.
Per quanto riguarda i ricoveri, ad oggi sono in totale 921 di cui 215 in terapia intensiva. Dei 2277 tamponi risultati positivi questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 514 Firenze, 215 Pistoia, 129 Prato (totale Asl centro: 858), 356 Lucca, 281 Massa-Carrara, 234 Pisa, 130 Livorno (totale Asl nord ovest: 1001), 120 Grosseto, 144 Siena, 154 Arezzo (totale sud est: 418).