Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il caso del comune di Badia Tedalda in provincia di Arezzo per quanto riguarda i contagi da Covid-19 è uno dei più delicati. E' di queste ultime ore la notizia del primo morto, un 91enne residente nel comune, Virgilio Venturi, che era ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale San Donato di Arezzo. Il sindaco Alberto Santucci aveva commentato la notizia così: "E' un dispiacere enorme, era un amico, una persona vicina a tutta la comunità. E' un pezzo di storia di Badia".

Prima di contrarre il Coronavirus, Venturi era in buone condizioni di salute. Secondo quanto riferito dal primo cittadino, sono dodici i contagiati tra Badia Tedalda e Ponte Presale, tra questi anche un ospite della Rsa di Badia Tedalda. 

Proprio per questo sempre il sindaco comunica che sono in corso operazioni di separazione degli ambienti a cui partecipano anche due consiglieri comunali:

"I Consiglieri Comunali Gori e Orcese - avendo preso, nell’ordine, il maggior numero di preferenze all’ultima tornata elettorale - oggi hanno l’incombenza di allestire 1/2 posti letto dentro la Cappellina di San Fiorenzo, attigua e internamente comunicante con il nostro Centro Anziani. #siamorgogliosidiVoi #badianonmolla".

Nel piccolo comune ai confini con l'Emilia Romagna, sono stati eseguiti 70 tamponi alle persone che accusano febbre e che hanno avuto contatti diretti con le persone risultate positive al Covid-19.