Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si potenzia ancora il servizio della Asl per rispondere alle tante domande sull’emergenza Coronavirus. Oltre  1000, infatti, sono le chiamate ricevute ogni giorno fino ad oggi.La Sud Est ha quindi attivato un altro numero verde: si tratta dell’800 050 529, che si aggiunge al già esistente 800 579 579.  Entrambi i numeri verdi hanno a disposizione 10 linee telefoniche attive contemporaneamente dalle 8 alle 20 di tutti i giorni (anche festivi).

 I due numeri sono dedicati  a coloro che sono stati in contatto con persone positive o a chi è rientrato da Cina, Hong Kong, Singapore, Iran e Corea del Sud.Inoltre la ASL Toscana Sud Est ha attivato il servizio di messaggistica istantanea di whatsapp a cui sottoporre domande, il cui numero è 366 6382531.I cittadini, per comunicare la presenza sul territorio della AUSL Toscana sud est ai Servizi di Igiene Pubblica dei Dipartimenti di prevenzione e per evitare d’intasare le linee telefoniche, possono utilizzare l’e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Intanto arriva anche il bollettino dei casi positivi riscontrati nel territorio aretino alle 12:30 di oggi:

L'Azienda USL Toscana sud est comunica di aver identificato i probabili casi positivi da ieri sera in provincia di Arezzo :
-una donna del 1970 di San Giovanni v. No
- un uomo del 1992 di Castel San niccolo'
- un uomo del 1958 di Badia Tedalda
- un uomo del 1957 di Arezzo (contatto di un caso già noto)
- una donna di badia tedalda del 1979
- un uomo del 1984 di Castiglion fiorentino
- una donna di Arezzo del 1950
- un uomo di Cortona del 1966
- un uomo di Lucignano del 1974 (contatto di caso gia' noto)
- una donna di Lucignano del 1976 (contatto del caso già noto)
- una donna di Arezzo del 1950 (contatto di caso già noto)
- uomo di loro ciuffenna del 1967
Sono tutti al domicilio in sorveglianza attiva ad esclusione delle due persone di Badia Tedalda che sono in malattie Infettive.
L’Azienda si è già raccordata con i Sindaci per gli adempimenti necessari.


Sostieni ArezzoTV