Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Coronavirus, anche la Chiesa corre ai ripari: stop al segno di pace e acquasantiere vuote Coronavirus, anche la Chiesa corre ai ripari: stop al segno di pace e acquasantiere vuote Coronavirus, anche la Chiesa corre ai ripari: stop al segno di pace e acquasantiere vuote

Niente segno di pace e acquasantiere vuote.
Anche la chiesa corre così ai ripari di fronte al fenomeno del Coronavirus e lo fa seguendo le indicazioni partite dalla Conferenza episcopale toscana, alle quali ovviamente si atterrà anche la Diocesi di Arezzo.

Dunque è stato deciso che nelle chiese ci si attenga a certi comportamenti:
- tenere vuote le acquasantiere;
- omettere il gesto dello scambio della pace nelle celebrazioni liturgiche;
- distribuire la Comunione esclusivamente sulla mano;
- prendere precauzioni durante le Confessioni auricolari e in contesti di contatti personali.

Nuove misure di prevenzione nelle ultime ore sono scattate anche in tribunale ad Arezzo, dove è saltato la sentenza del processo legata all'operazione Duomo vecchio, che aveva portato a numerosi arresti per spaccio all'interno del parco del Pionta.


Sostieni ArezzoTV