Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Crac Etruria, confermato sequestro dei beni per gli ex amministratori Crac Etruria, confermato sequestro dei beni per gli ex amministratori Crac Etruria, confermato sequestro dei beni per gli ex amministratori

Confermato il sequestro dei beni per gli ex amministratori di Banca Etruria accusati di bancarotta.

Il Tribunale del Riesame di Arezzo, presieduto dal giudice Angela Avila, ha confermato la decisione emersa nel processo di primo grado e rigettato il ricorso dei legali degli imputati. Con una sola eccezione, per Alberto Bonaiti, ex membro del cda, la cui condizione dal punto di vista giudiziario e la cui consistenza patrimoniale sono risultate tali da non richiedere il provvedimento.

Restano dunque sotto sequestro i beni dell'ultimo presidente Lorenzo Rosi, per gli ex vice presidenti Giovanni Inghirami e Giorgio Natalino Guerrini, e per gli altri ex membri del cda.

Per le motivazioni dell'ordinanza si dovranno attendere trenta giorni, solamente allora i difensori potranno nuovamente impugnare il provvedimento in Cassazione.


Sostieni ArezzoTV