Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Coronavirus, oro e moda in bilico. Giordini: “cauto ottimismo per OroArezzo” Coronavirus, oro e moda in bilico. Giordini: “cauto ottimismo per OroArezzo” Coronavirus, oro e moda in bilico. Giordini: “cauto ottimismo per OroArezzo”

Sono 343 le aziende iscritte alla camera di commercio di Arezzo che hanno titolari di nazionalità cinese. In 10 anni dal 2009 al 2019 sono più che raddoppiate, l'aumento è infatti del 152%.

L'effetto del coronavirus purtroppo si fa sentire anche nell'aretino. A microfono non c'è nessuno che lo conferma, ma facendo un giro tra i negozi e i ristoranti è palese il calo di clienti.

Di contro anche tra le aziende invece aretine che contano sull'export verso i mercati orientali, principalmente oro e moda, la preoccupazione è alta.

Ce lo conferma Giordana Giordini presidente di Federorafi di Confidustria Toscana del Sud, che un pizzico di ottimismo guarda ad Oroarezzo 2020.