Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Caso Martina Rossi, l'accusa chiede tre anni di reclusione per gli imputati Caso Martina Rossi, l'accusa chiede tre anni di reclusione per gli imputati Caso Martina Rossi, l'accusa chiede tre anni di reclusione per gli imputati

La pubblica accusa ha chiesto il massimo, il massimo di quanto restava dopo la prescrizione di uno dei due reati, per i quali erano già stati condannati in primo grado.

Prosegue così il processo d'appello a Firenze per la morte di Martina Rossi, la 20enne genovese, che perse la vita precipitando al balcone di un hotel di Palma di Maiorca all'alba del 3 agosto 2011, secondo l'accusa per sfuggire ad un tentativo di stupro.

Adesso la Procura generale di Firenze ha chiesto 3 anni di reclusione per i due imputati, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi.

Il 14 dicembre 2018 i due giovani di Castiglion Fibocchi erano stati condannati a 6 anni per tentata violenza sessuale di gruppo. A novembre dello scorso anno era decaduta per prescrizione l'accusa di morte come conseguenza di altro delitto. 

Il processo, con le discussioni delle parti civili e delle difese,  riprenderà il 17 febbraio.