Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Finisce oggi la quarantena di Pietro Faralli aretino che si trovava a Wuhan il giorno precedente della chiusura della città cinese per il coronavirus. 

Il 22 gennaio Faralli ha lasciato la città per dirigersi verso Bangkok, è stato controllato alle frontiere dove gli è stata anche misurata la temperatura ed in assenza di sintomi non c'è stato alcun campanello di allarme.

Faralli ha quindi lasciato Wuhan poche ore prima che il governo cinese bloccasse tutti gli arrivi e le partenze dalla città in cui è esplosa l'epidemia.

Questa la foto pubblicata sul suo profilo Fb 

L'aretino è poi tornato in città atterrando all'aereoporto di Roma il 27 gennaio scorso. Anche in questo caso in assenza di sintomi, non c'è stato alcun provvedimento, ma per scelta personale ponderata con il medico di base, si ad oggi ha cercato di limitare al massimo i contatti con le altre persone e ha indossato la mascherina.

Oggi scade la quarantena e quindi anche il pericolo di contagio è scongiurato.