Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Caso Martina Rossi, i genitori incontrano il ministro Bonafede Caso Martina Rossi, i genitori incontrano il ministro Bonafede Caso Martina Rossi, i genitori incontrano il ministro Bonafede

Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede ha incontrato i genitori di Martina Rossi, la studentessa genovese precipitata dal balcone della camera 609 dell'hotel Sant'Ana di Palma di Maiorca il 3 agosto 2011.

Bruno Rossi e Franca Murialdo avevano scritto al Guardasigilli lo scorso 14 gennaio chiedendo di poter essere ricevuti per informarlo della vicenda giudiziaria.

Per la morte di Martina sono a processo, davanti alla corte di appello di Firenze, Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, condannati ciascuno a 6 anni in primo grado dal tribunale di Arezzo il 14 dicembre 2018.

Lo scorso novembre, però, i giudici di secondo grado avevano già dichiarato prescritto il reato di morte come conseguenza di altro reato ed era rimasta in piedi la sola accusa di tentata violenza sessuale di gruppo, che però si prescriverà nel 2021.

I giudici di appello avevano rinviato il processo a settembre di questo anno, a causa di una carenza di organico negli uffici giudiziari. Alcuni giorni dopo, però, era stata anticipata l'udienza al 10 febbraio.

Adesso Bruno e Franca hanno consegnato nella mani del ministro tutto il materiale raccolto in questi anni.