Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"Furto di dati” e contratti non richiesti: Federconsumatori Arezzo denuncia ed Eni paga 3 milioni "Furto di dati” e contratti non richiesti: Federconsumatori Arezzo denuncia ed Eni paga 3 milioni

La storia era iniziata nei mesi scorsi quando numerosi cittadini si erano rivolti a Federconsumatori Arezzo denunciando un vero e proprio “furto di dati” grazie al quale si erano poi ritrovati titolari di un nuovo contratto di fornitura di energia elettrica mercato libero con ENI gas & luce Spa non richiesto.

Federconsumatori aveva contestato all’azienda le modalità con le quali era stato imposto all'utente il nuovo contratto anche se esso risultava attivato tramite un'agenzia della quale ENI si era avvalsa per ampliare la propria clientela e che aveva operato in maniera scorretta entrando in possesso dei dati degli utenti in modo tale da confezionare una richiesta di fornitura non voluta.

Contemporaneamente Federconsumatori Arezzo aveva inoltrato un esposto al Garante per denunciare simili comportamenti che prefigurano non solo la violazione della privacy, ma addirittura la somministrazione di un contratto di fornitura di servizi mai richiesto e che ha recato numerosi danni alle famiglie a causa delle procedure che è stato necessario attivare per ripristinare il contratto originario.

Il Garante per la Privacy si è pronunciato ed ha comminato ad ENI una sanzione di 3.000.000 di euro in quanto soggetto responsabile dei dati attraverso i quali sono stati attivati i contratti non richiesti.