Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

“Aggiornamento. Abbiamo quasi raggiunto l'obbiettivo.”

Così Luca Fabbri amministratore del gurppo Fb “Sei di Arezzo se...” che conta ormai quasi 30.000 menbri comunica con gioia il raggiungimento, quasi completo, dell'obiettivo che il gruppo si era prefisso prima di Natale. Raccogliere fondi per poter comperare dei sacchi a pelo da donare ai senza tetto della città. Al progetto hanno contribuito anche lo store aretino di Decatohl e il comitato aretino della Croce Rossa Italiana.

Una raccolta fondi a cui anche la nostra emittente ha dato molto volentieri il giusto spazio.

“Grazie indistintamente, scrive Luca, a tutti quelli che anno contribuito, grazie a Decathlon che ci ha aiutato, con un sconto sui materiali acquistati, una donazione e la collaborazione per le donazioni prima on-line e adesso fino al 6 di gennaio direttamente alle casse dello store aretino. Grazie ai moderatori che hanno preso a cuore la cosa, la Caporaso finisce oggi un sacco di anni , quindi auguri. Grazie a Croce Rossa Italiana comitato di Arezzo per l'appoggio che ci ha concesso.”

E proprio alla sede della Croce Rossa Italiana il 6 gennaio verranno consegnate le donazioni per poi poterle distribuire a chi ne ha bisogno.

“Le donazioni online sono chiuse e manca poco al raggiungimento della cifra, è possibile donare fino al 6 presso le casse Decathlon. Sarebbe una bella cosa poterla raggiungere tutti insieme. Il resoconto dettagliato al centesimo sarà pubblicato, ovviamente solo con le iniziali del donatore più due che sono anonime e la documentazione è comunque a disposizione per chiunque voglia riscontri. Basta davvero poco – conclude Fabbri - chi volesse è ancora in tempo fino al 6 gennaio.”