Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

I carabinieri della stazione di Montevarchi, coadiuvati dai colleghi dell’aliquota radiomobile di San Giovanni Valdarno sono intervenuti nella notte del 24 dicembre per sedare un’animata lite scoppiata tra quattro cittadini nigeriani presso un’abitazione nel centro di Montevarchi.

Al loro arrivo, i militari dell’arma, dopo aver riportato la calma, insospettiti dall’atteggiamento dei presenti, hanno perquisito e scoperto nello stesso appartamento un vero e proprio “deposito” composto da due voluminosi involucri contenti quasi due chili di “marijuana”, undici grammi di “eroina” già confezionati in ben ventuno dosi e già pronte per la vendita al dettaglio, un bilancino di precisione con cui la sostanza veniva dosata, ottanta euro in contanti verosimilmente provento dell’attività criminosa di spaccio di sostanze stupefacenti e ben cinque telefoni cellulari, che i malviventi utilizzavano per tenere i contatti con i loro “clienti”.

Dopo il ritrovamento i carabinieri hanno rapidamente sequestrato tutto il materiale illecito ed hanno proceduto ad arrestare il “padrone di casa” ed a denunciare in stato di libertà’ uno dei suoi coinquilini.

Entrambi i soggetti stranieri sono beneficiari di permesso di soggiorno ed incensurati, l’arrestato, trattenuto per la notte in cella di sicurezza, sarà sottoposto quanto prima ad udienza con rito direttissimo.