Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Educazione Finanziaria, Ubi Banca e Feduf incontrano i giovani calciatori dell'Arezzo Educazione Finanziaria, Ubi Banca e Feduf incontrano i giovani calciatori dell'Arezzo Educazione Finanziaria, Ubi Banca e Feduf incontrano i giovani calciatori dell'Arezzo

Il campione del mondo di pugilato Floyd Mayweather, secondo i dati attuali, impiega più o meno circa 28 minuti per intascare il salario medio annuo di un normale impiegato. Impiegato che più o meno ci metterà circa 14.000 anni per guadagnare quanto Cristiano Ronaldo. Ma cosa potrebbe succedere ad alcuni atleti, eccellenti nelle loro discipline ma magari un po’ meno attenti dal punto di vista della gestione consapevole dei propri risparmi, quando smettono l’attività agonistica? Per avvicinare le giovani promesse dell’Arezzo Calcio ai temi dell’economia, la società sportiva, UBI Banca e la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio hanno organizzato oggi presso la Sala Conferenze arbitri dello Stadio Città di Arezzo #economiascuola - Lo Spreco illogico, evento che fa parte del vasto programma di educazione finanziaria che UBI Banca realizza in collaborazione con FEduF. L’iniziativa è un positivo esempio di come soggetti diversi possano lavorare insieme per la diffusione di una nuova cultura di cittadinanza economica tra i giovani, una competenza indispensabile per affrontare il complesso scenario socioeconomico in cui ci muoviamo. La conferenza – spettacolo #economiascuola Lo Spreco illogico è infatti un progetto di educazione finanziaria che indaga i meccanismi della più basilare delle operazioni economiche: le scelte e gli effetti che queste comportano a livello globale. L’educazione finanziaria e lo sviluppo sostenibile
rappresentano due significative opportunità di crescita e si sposano in questo progetto che vuole diffondere l’approccio all’economia sostenibile in un’ottica di cittadinanza attiva e consapevole per costruire un valido progetto di vita ispirato ai valori di sviluppo sostenibile e globale fissati dall’Agenda 2030. Il progetto racconta da una parte quello che sarebbe ragionevole scegliere di fare e dall’altra quello che è lo stato dell’arte attuale con l’obiettivo di mostrare, indagando le leggi matematiche che guidano le decisioni, che le due cose spesso non coincidono. Perché quando scegliamo, nella nostra mente si mettono in moto una gran quantità di scorciatoie istintive, che spesso ci portano fuori strada, anche quando, davanti alla scelta, ci sentiamo completamente liberi, razionali e consapevoli. Proprio per approfondire l’importanza di queste tematiche, l’incontro è stato preceduto da una riflessione sul tema dell’uso consapevole del denaro dal titolo “Il valore dell’educazione finanziaria per i cittadini di domani”. Dopo l’apertura dei lavori a cura di Paolo Charlie Olcese – Responsabile Enti Pubblici e Sistemi Associativi UBI Banca e i saluti di Sauro Cerofolini, - Presidente Associazione Italiana Arbitri Sezione di Arezzo, al dibattito pubblico hanno preso parte Luca Scassellati - Direttore Territoriale Arezzo di UBI Banca, Giorgio Cerbai, delegato provinciale del CONI, per entrare nel vivo con l’intervento di Giorgio La Cava - Presidente Società Sportiva Arezzo e Otello Celia – Direttore Marketing Società Sportiva Arezzo, alla presenza di Cristian Fumagalli - Responsabile Macro Area Territoriale Lazio Toscana Umbria di UBI Banca .
“La relazione tra educazione finanziaria e stabilità economica è molto stretta - commenta Giovanna Boggio Robutti, Direttore Generale della FEduF - e l’acquisizione delle competenze necessarie non può più avvenire esclusivamente in famiglia, come è sempre avvenuto in passato. Il consolidamento della cultura economica è oggi un presupposto irrinunciabile per una vera consapevolezza e per il benessere sociale di tutti”.
“È importante offrire a tutti i giovani un’opportunità per far evolvere la loro consapevolezza su come l’economia possa incidere fortemente sui temi della sostenibilità e con l’obiettivo di far crescere cittadini attenti all’uso del proprio denaro e delle risorse” ha dichiarato Riccardo Tramezzani, Responsabile Area UBI Comunità di UBI Banca.
“Nella nostra area le iniziative di educazione finanziaria sono state in tre anni rafforzate riuscendo a coinvolgere più di mille giovani” ha commentato Cristian Fumagalli, Responsabile Macro Area
Lazio, Toscana e Umbria. “L’evento di oggi ha l’obiettivo di sensibilizzare, a temi economici di sostenibilità e risparmio, giovani calciatori dell’Arezzo, partner anche in questa importante iniziativa. Vogliamo supportare i giovani atleti affinché siano in grado di gestire al meglio le proprie scelte a beneficio del loro futuro personale e sportivo”.
Il Presidente Società Sportiva Arezzo, Giorgio La Cava ha dichiarato: "Sono molto felice di partecipare a questo incontro di educazione finanziaria organizzato dal nostro main sponsor UBI Banca, perché credo sia fondamentale far capire alle nuove generazioni quanto sia importante un approccio consapevole e sostenibile all’economia".
Il Direttore Marketing Società Sportiva Arezzo, Otello Celia ha aggiunto: “Sono davvero soddisfatto della collaborazione instaurata con un gruppo bancario così attivo nel sociale come UBI Banca. Spero che questo sia solo il primo passo verso una sempre più stretta e proficua collaborazione”.