Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Banca Etruria, falso in prospetto: processo rinviato al 20 gennaio Banca Etruria, falso in prospetto: processo rinviato al 20 gennaio Banca Etruria, falso in prospetto: processo rinviato al 20 gennaio

Si è aperto con un rinvio al prossimo 20 gennaio il processo per il falso in prospetto, che vede seduti sul banco degli imputati ancora una volta l'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l'ex direttore generale Luca Bronchi e il funzionario Davide Canestri.  Si tratta di uno dei filoni dell’inchiesta sul crac dell'istituto di credito aretino. Secondo l’accusa, la banca infatti inviò a Consob una relazione non aderente alla realtà dei fatti, in una fase in cui l’istituto di credito era già in difficoltà. La successiva collocazione delle obbligazioni subordinate nel 2015 avrebbe così messo a rischio i risparmiatori, come poi avvenuto due anni dopo, quando furono azzerate in seguito alla risoluzione della banca con il decreto Salvabanche. Sono oltre 2100 le richieste di ammissione come parte civile nel processo, per la maggior parte obbligazionisti ed azionisti.


Sostieni ArezzoTV