Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Polizia Locale di Arezzo, taser in arrivo per gli agenti Polizia Locale di Arezzo, taser in arrivo per gli agenti Polizia Locale di Arezzo, taser in arrivo per gli agenti

Passa in consiglio comunale la pratica relativa all'adozione del taser per gli agenti della polizia locale. Un’integrazione al regolamento che disciplina l’armamento in dotazione al corpo di polizia locale prevede che gli operatori in possesso della qualità di agente di pubblica sicurezza, coloro che dunque svolgono servizio con un’arma dopo aver completato il necessario addestramento e superato un corso annuale di lezioni teorico-pratiche presso un poligono abilitato, si vedranno rilasciata idonea certificazione da parte di istruttori dell’Unione italiana tiro a segno.

Il comandante della polizia locale Cino Augusto Cecchini: “tale certificazione si affianca a quella ulteriore di idoneità medica rilasciata annualmente dal medico di famiglia. L'armamento è dunque disciplinato, finalmente, da un apposito regolamento, e non da alcuni articoli contenuti in quello della polizia locale come avvenuto finora, e reso attento alle esigenze di sicurezza personale. In merito alle pistole a impulsi elettrici, siamo tra i capoluoghi di provincia che possono sperimentarne l'uso. Un mezzo di coazione che fa parte del bagaglio di agenti di altri corpi di polizia e che evita esiti come quelli che possono derivare da un'arma da fuoco. Gli agenti della polizia locale, d'altronde, sono esecutori dei trattamenti sanitari obbligatori che riguardano persone difficilmente gestibili, hanno a che fare con soggetti alterati dall'uso di sostanze stupefacenti, dunque emerge il problema di garantire l'incolumità degli operatori in divisa”.

In virtù di un emendamento di Giovanna Carlettini, il costo del rilascio della certificazione dell'Unione italiana tiro a segno dovrà essere a carico dell'amministrazione comunale. Voto favorevole di 17 consiglieri, 6 i contrari.