Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Gang del Porcinai, quarto arresto dei Carabinieri: due ventenni vennero brutalmente aggrediti Gang del Porcinai, quarto arresto dei Carabinieri: due ventenni vennero brutalmente aggrediti Gang del Porcinai, quarto arresto dei Carabinieri: due ventenni vennero brutalmente aggrediti

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Arezzo hanno proceduto alla denuncia di un uomo, classe 1983, appartenente alla gang che il 27 agosto scorso aveva tentato di rapinare due giovani in due occasioni distinte - in via Spinello nei giardini del Porcinai e nel parco Pertini. I fatti risalgono al giorno 27 agosto scorso, quando i Carabinieri vennero allertati a seguito della richiesta di aiuto delle vittime, due ragazzi ventenni. Prima uno e poi l'altro, a un'ora di distanza, nei due parchi cittadini, vennero picchiati brutalmente da un gruppo di quattro soggetti sconosciuti con pugni al volto allo scopo di farsi consegnare i soldi, fratturando loro il naso. I militari, acquisite le prime informazioni sugli aggressori e svolti i primi accertamenti sul posto, immediatamente si sono posti sulle tracce di uno degli aggressori e, dopo una breve fuga, lo hanno arrestato in flagranza di reato. L’uomo era un 26enne di Bibbiena pluripregiudicato. Nei giorni seguenti vennero individuati ed identificati altri due soggetti che facevano parte della gang e ieri, a seguito di mirate indagini effettuate anche con l’ausilio delle immagini di videosorveglianza presenti sul luogo dei fatti e sui percorsi utilizzati per allontanarsi dal luogo del reato, anche l’ultimo aggressore rimasto precedentemente ignoto. L’uomo, pregiudicato, di origini polacche e residente nel casentino, è stato quindi denunciato all’autorità giudiziaria per i reati di lesioni personali e tentata rapina aggravata in concorso.