Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dimore invernali e dormitorio aperto sin da novembre, così l'accoglienza per clochard Dimore invernali e dormitorio aperto sin da novembre, così l'accoglienza per clochard Dimore invernali e dormitorio aperto sin da novembre, così l'accoglienza per clochard

Necessità zero per i senzatetto con residenza ad Arezzo. Dimore invernali messe a disposizione da Caritas per un totale di 8 posti. Apertura prolungata del dormitorio. Progetto di cohousing avviato in collaborazione con Arezzo Casa. Sono i punti focali della conferenza stampa cui hanno preso parte l’assessore Lucia Tanti, il direttore della Caritas diocesana, don Giuliano Francioli, e il presidente di ArezzoCasa, Lorenzo Roggi.

Il dormitorio di piazza San Domenico, rispetto al passato, sarà attivo per un periodo più lungo e cioè dal 18 novembre 2019 al 4 aprile 2020. L’accoglienza per i non residenti ad Arezzo è divisa in due filoni: chi ha una storicità di rapporti con la città, avrà accesso alle dimore invernali nei locali gestiti da Caritas a partire dal 18 novembre. Otto i posti disponibili, con servizi di screening medico, regolamento interno e percorso di recupero della socialità. Chi è solo di transito ad Arezzo, potrà usufruire di un pass di accesso al dormitorio valido per quindici giorni. Il Comune ha poi dato inizio ad una collaborazione con ArezzoCasa per individuare locali destinati all’accoglienza per tutto l’anno.