Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, ragazza salva pakistano da un violento pestaggio Arezzo, ragazza salva pakistano da un violento pestaggio Arezzo, ragazza salva pakistano da un violento pestaggio

Nel primo pomeriggio di ieri 21 settembre, una giovane donna di Arezzo, S.M., di passaggio in via Masaccio, notando una colluttazione in atto tra stranieri ha immediatamente attivato la linea 113 per chiedere l’intervento della Polizia. L’operatore al telefono ha chiesto la collaborazione della donna, consigliandole di mettersi al riparo in un luogo sicuro da cui poter osservare e descrivere la scena ai poliziotti, mentre venivano prontamente inviate due pattuglie. Dopo pochi secondi, gli uomini dell’Ufficio Volanti della Questura di Arezzo erano già sul posto, grazie alle indicazioni fornite dalla coraggiosa donna via telefono, e intervenivano in soccorso della vittima, interrompendo il pestaggio. La violenza di due pakistani, già gravati da numerosi precedenti di polizia per spaccio, furto e ricettazione, si è scatenata ai danni di un loro connazionale dopo il rifiuto di consegnare una piccola somma di denaro. La vittima, con regolare permesso di soggiorno e contratto di lavoro a tempo indeterminato nel settore orafo, era stata presa di mira dai due connazionali più anziani, in cerca di contante per acquistare dosi di sostanze stupefacenti. La richiesta di denaro, partita inizialmente dalla cifra di 20 euro (corrispondente ad una dose per ciascuno), è poi scesa a quella del taglio minimo di 5 euro, ma la vittima non aveva con sé alcuna somma di denaro contante; non credendo a tale giustificazione, i due estorsori hanno iniziato a minacciare il giovane connazionale fino a prenderlo a pugni e procuragli lesioni alla mano sinistra. Il senso civico e la prontezza d’animo della trentenne aretina hanno evitato il peggio per il malcapitato, attivando una virtuosa e determinante collaborazione tra cittadinanza e forze dell’ordine.